Zoomark International 2011: bilancio molto positivo

ECONOMIA – Alla chiusura dello Zoomark International 2011, il Salone dei prodotti e delle attrezzature per gli animali da compagnia, tenuto a Bologna dal 12 al 15 maggio 2011, si percepiva già un clima di soddisfazione sia da parte degli operatori che dei visitatori, ma ora che i dati finali di bilancio sono usciti si può affermare la promozione a pieni voti della edizione 2011. Zoomark International ha soddisfatto pienamente le aspettative dei 21.460 visitatori provenienti da 72 paesi del mondo, per l’esperienza positiva, i tanti nuovi contatti e il vasto giro d’affari.
I numeri attestano che i buyer italiani hanno superato la soglia delle 16mila presenze, esattamente a quota 16.065 e la maggiore affluenza è da Emilia Romagna (3.249) Lombardia (2.875) e Veneto (2.219); seguono Toscana (1.392) e Lazio (1.237), mentre l’incremento di visitatori esteri (5.395) con una crescita del 15% sottolinea anche questa volta la forte vocazione internazionale. I maggiori incrementi riguardano l’Europa dell’Est e l’area del Mediterraneo, in particolare Bulgaria, Lettonia, Polonia, Romania, Russia, Serbia, Slovenia, Turchia, Ucraina, Ungheria e Grecia, Malta, Spagna, Nord Africa e Medio Oriente, oltre a una marcata crescita dell’Asia. Per i mercati tradizionali, ai primi posti Spagna, Francia, Germania e Gran Bretagna, e da oltre oceano gli Stati Uniti, mentre per la prima volta in assoluto si è vista la presenza di visitatori da nuovi mercati, quali Albania, Angola, Isola della Riunione, Seychelles, Corea del sud, Siria.
Secondo un sondaggio realizzato sui visitatori stranieri, l’obiettivo primario che induce a visitare il Salone è la conoscenza delle novità del mercato (73%), seguito dalla ricerca di nuovi fornitori (69%); mentre il tempo dedicato dai buyer stranieri (8 su 10 si fermano più di una giornata) conferma la qualità della loro partecipazione, che appare accurata e approfondita. Anche la professionalità si rileva particolarmente elevata, con oltre il 50% delle aziende dedite all’import/export e il 28% all’ingrosso.
Dei 5.395 visitatori stranieri, si contano prevalentemente operatori che occupano posizioni di vertice: il 48% è titolare o presidente, il 36% direttore o responsabile; il 60% ha potere decisionale diretto,
mentre il 30% influenza le decisioni aziendali.
“I dati positivi evidenziati dal bilancio finale di Zoomark International 2011 sono il segno che il pet market guarda con ottimismo al futuro, come mostra anche il Rapporto Assalco-Zoomark 2011 che parla di un settore in buona salute, cosciente del suo ruolo e del suo valore. Il Salone si conferma quale evento sempre più internazionale, come vera voce del mercato, punto di riferimento imprescindibile per lanciare innovazioni e tendenze creative” – commenta Adolfo Somigliana, amministratore delegato di Piesse Srl, la segreteria organizzativa della fiera.
“I giudizi degli espositori e dei visitatori sottolineano il forte appeal internazionale di Zoomark International che viene scelto, soprattutto dalle aziende straniere, come palcoscenico per promuovere la propria immagine sui mercati esteri e stabilire nuovi importanti contatti” – dichiara Marco Momoli, exhibition director di BolognaFiere.

***

Today’s Italian news note comments on the highly successful results of the recent 2011 edition of Zoomark International, a large international pet supplies fair which takes places annually in Bologna. A total of 21,460 visitors from 72 different countries attended the event, open to pet professionals. The single largest group were 16,065 Italian buyers, with most coming from the country’s more prosperous North. Foreign visitors numbered 5,395, an increase of 15% over the previous edition and an important indicator of the overall health of the sector in world markets.

FacebookFacebook

Comments are closed.

Animal Glamour is produced by the micropublishing division of Hansen Worldwide srl, Milan, Italy.
Published in the USA. All rights reserved. © 2006-2021
Other trademarks and copyrighted materials may belong to their respective owners.