HANSEN

Animali nell’Arte, la mostra di Palazzo Martinengo a Brescia

Nicolò Cassana 2

ARTE – L’animale ha sempre avuto un ruolo fondamentale nella Storia dell’Arte. Infatti, i più grandi maestri del Rinascimento, del Barocco e dell’Età dei Lumi, da Raffaello a Caravaggio, da Guercino a Tiepolo fino a Ceruti, hanno spesso dipinto animali sia in rappresentazioni autonome – alla stregua di veri e propri ritratti caratterizzati anche psicologicamente – sia in compagnia dell’uomo, soprattutto in occasione di commissioni ufficiali da parte di nobili e aristocratici.
Inoltre, gli artisti traendo ispirazione dai testi biblici e dalla letteratura classica greca e latina hanno creato tele nelle quali l’animale è l’assoluto protagonista – come, ad esempio, nell’episodio dell’Arca di Noè – oppure comprimario, divenendo attributo iconografico dei santi più venerati – Girolamo con il leone, Giorgio con il drago, Giovanni Battista con l’agnello -, o parte essenziale del racconto mitologico. Basti citare, ad esempio, le storie di Diana cacciatrice accompagnata dal suo fedele cane, Ganimede e l’aquila, Leda e il cigno e il ratto di Europa escogitato da Zeus tramutato in toro. Senza dimenticare gli affascinanti personaggi della maga Circe – che aveva il potere di trasformare i suoi nemici in animali – e di Orfeo che, suonando la lira con impareggiabile maestria, incantò gli animali e la natura.
giacomo_ceruti_vecchio_con_cane_carlino_1740_circa
Dal 19 gennaio fino al 9 giugno 2019 Palazzo Martinengo Cesaresco di Brescia festeggia il suo quinto anno di esposizione con “Animali nell’Arte” – dal Rinascimento a Ceruti, una mostra unica e sorprendente nel suo genere dedicata alle rappresentazioni dei nostri amici animali nella pittura rinascimentale e barocca italiana. A cura di Davide Dotti che ha selezionato un centinaio di opere di altissima qualità provenienti da prestigiosi musei, pinacoteche e collezioni private italiane ed estere, la mostra consentirà ai visitatori di comprendere il ruolo primario degli animali nell’arte.

Inoltre in virtù della sua rilevanza culturale, artistica e scientifica, l’esposizione ha ottenuto il prestigioso patrocinio del WWF Italia con il quale permetterà di approfondire alcune tematiche particolarmente importanti quali la salvaguardia dell’ambiente, delle specie protette e della biodiversità, la cultura della sostenibilità contro lo spreco di risorse, il rispetto degli ecosistemi e la lotta contro il bracconaggio.

Grazie alla collaborazione con il Dipartimento di Scienze Naturali e Zoologia dell’Università di Pisa, che analizzerà in maniera scientifica le opere selezionate per l’esposizione, si potranno altresì ricavare preziose informazioni sulle razze e sulla loro evoluzione nel corso dei secoli e soprattutto l’evoluzione del loro rapporto con l’uomo.
Un rapporto che i più celebri artisti di tutti i tempi hanno eternato in dipinti di incantevole bellezza, e che questa sorprendente mostra vuole riscoprire e portare all’attenzione della società contemporanea. Per la gioia degli amanti dell’Arte e degli Animali!
terza-triade-2019-ultimissima-1
L’avvincente percorso espositivo ideato dal prestigioso comitato scientifico internazionale della mostra, sarà suddiviso in dieci sezioni tematiche rispettivamente dedicate a:

– Animali nella pittura sacra
– Animali nella pittura mitologica
– Cani
– Gatti
– Pesci, rettili e insetti
– Uccelli
– Animali della fattoria
– Animali e uomini: un rapporto millenario
– Nani e pigmei Vs. animali
– Animali esotici e fantastici

facebookfacebook