“Kedi. La città dei gatti”
prossimamente al cinema

SPETTACOLI – “Kedi. La città dei gatti” della regista turca Ceyda Torun arriverà nelle sale italiane il 22 maggio.

Sono centinaia di migliaia i gatti che vagano liberamente nella metropoli di Istanbul. Per migliaia di anni hanno gironzolato dentro e fuori alla vita delle persone, diventando una componente essenziale delle tante comunità che rendono così ricca la città. Vivono tra due mondi – quello selvaggio e quello domestico – e portano gioia e voglia di vivere alle persone che scelgono di adottare.
kedi-gatti-cover
A Istanbul, il gatto è più di un semplice gatto. Il gatto incarna il caos indescrivibile, la cultura e l’unicità che è l’essenza della città e questo incredibile film documentario ne racconta le diverse anime attraverso i suoi gatti.
Una vera e propria dichiarazione d’amore verso questi straordinari felini che grazie alle cure di molti, vivono senza padrone. Adorati, coccolati o trascurati, questi animali fanno innegabilmente parte della vita e della cultura della città.

Il film, distribuito da Wanted Cinema, sarà presentato in anteprima negli Uci Cinemas per una due giorni evento e a seguire nei principali cinema d’Italia.

“Sono cresciuta a Istanbul fino all’età di undici anni – ha spiegato la regista – e credo che la mia infanzia sarebbe stata infinitamente più solitaria se non fosse stato per i gatti e io non sarei la persona che sono oggi. Sono stati i miei amici e confidenti e dopo il trasferimento, ogni volta che mi capitava di tornare a Istanbul, trovavo la città sempre meno riconoscibile ad eccezione di una cosa: i gatti, unico elemento costante e
immutato che incarnava l’anima stessa della metropoli. Questo film è, per molti versi, una lettera d’amore a quei gatti e alla città”.

Guarda il trailer cliccando qui.

FacebookFacebook

Comments are closed.

Animal Glamour is produced by the micropublishing division of Hansen Worldwide srl, Milan, Italy.
Published in the USA. All rights reserved. © 2006-2021
Other trademarks and copyrighted materials may belong to their respective owners.