HANSEN

Prevenzione dei parassiti nel cane e nel gatto: Fatelo meno, Fatelo meglio, Fatelo dal Veterinario

cane primavera

SALUTE – Volete difendere i vostri amici animali dai parassiti? E’ meglio chiedere subito al Veterinario!
Loreto_Svelamento
“Fatelo meno, Fatelo meglio, Fatelo dal Veterinario” è ciò che esorta a fare MSD, Animal Health tramite una campagna di sensibilizzazione della popolazione, volta a richiamare l’attenzione sulla necessità di una corretta prevenzione parassitaria negli animali da compagnia, da effettuarsi con il consiglio del proprio medico veterinario.
Campo de Fiori











La campagna, patrocinata da ANMVI (Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani) ed ESCCAP (European Scientific Council Companion Animal Parasites), ha avuto la fase “teaser”, articolata in due spot da 10” (dal 3 aprile per due settimane) nei quali il pay-off accattivante “Fatelo meno, Fatelo meglio” invitava i protagonisti a modificare comportamenti non corretti come il cibo spazzatura o l’ossessione per internet in ogni occasione. Dal 15 aprile si è “svelata” con uno spot da 30” nel quale compare la figura del veterinario che, con il pay off “Difendere i vostri amici dai parassiti? Fatelo meno, Fatelo meglio, Fatelo dal veterinario”, invita a recarsi nell’ambulatorio o in clinica per garantire al proprio animale da compagnia la prevenzione più appropriata.

Un’azione preventiva a 360° fatta bene e che andrebbe fatta tutto l’anno, perchè in effetti per i nostri animali da compagnia è primavera tutto l’anno e, guarda caso lo è anche per pulci, zecche e altri parassiti che negli ultimi tempi riescono a sopravvivere anche in inverno. Proteggendo l’animale, proteggiamo anche noi stessi.
Frame Spot
“La prevenzione è un fatto culturale. Agire prima che si manifesti il danno non fa parte del nostro bagaglio culturale, siamo ancora un Paese che aspetta l’emergenza”. – ha affermato Marco Melosi, Medico Veterinario e Presidente ANMVI, nel corso di una conferenza stampa volta a sensibilizzare anche i media, nell’aiutare a veicolare al pubblico l’importanza della prevenzione, soprattutto quella fatta in cooperazione con il proprio medico veterinario.
“Questo si verifica perché la prevenzione lavora sull’invisibile e non gratifica come l’intervento ex-post – ha spiegato MelosiChiaramente è un errore di impostazione culturale, difficile da contrastare, perché guarire una malattia è un gesto misurabile, evidente, che gratifica il proprietario molto di più di un comportamento che quella malattia evita, percepito come privo di risultato. Il ruolo del veterinario in questo contesto è fondamentale, in quanto è il punto di riferimento per informarsi ed essere accompagnati e guidati nelle scelte di salute e prevenzione”.

Negli ultimi 40 anni la relazione fra uomo e pet è incredibilmente cambiata, è diventata più intima facendo aumentare la sensibilità verso l’animale che è diventato membro effettivo della famiglia. Il cane ad esempio ha fatto un salto triplo in questa evoluzione; le sue abitudini sono cambiate, è diventato catalizzatore degli affetti famigliari, soprattutto se nel focolaio domestico ci sono bambini e anziani. Però la naturalezza con cui ci relazioniamo non ci deve far dimenticare come muoverci con l’animale stesso; condividendo gli spazi bisogna essere ancora più attenti.
cane
MSD, Animal Health, azienda leader nel settore della ricerca, dello sviluppo e della produzione farmaceutica in ambito veterinario, con un 75% del fatturato fatto di prodotti per la prevenzione, ha sentito la necessità di educare e sensibilizzare l’opinione pubblica verso una prevenzione parassitaria consigliata dal medico veterinario.

Per capire cosa ne pensavano gli italiani proprietari di piccoli animali MSD ha promosso una ricerca condotta da Doxapharma, dalla quale emerge che in Italia solo un proprietario su due ritiene che il veterinario abbia un ruolo fondamentale per la salute del proprio animale, meno della metà (il 46%) sa che il veterinario svolge un compito importante per proteggere sia l’animale che la famiglia. Inoltre ancora il 48% dei proprietari di pet si affida a canali diversi dal veterinario per reperire informazioni sulla prevenzione parassitaria del proprio animale da compagnia e, di questi, il 64% non verifica le informazioni con il veterinario stesso.
Circa il 40% dei proprietari di cani e gatti intervistati non considera l’utilizzo di un antiparassitario fondamentale per la salute del proprio animale. Degli intervistati i proprietari di cani (71%) sono sembrati più consapevoli di questa importanza rispetto ai proprietari di gatti (51%). Ma solo pochissimi (11%) riconoscono che la protezione dell’animale abbia un impatto positivo sulla famiglia/bambini con cui vive. Ancora di meno mettono in pratica alcune buone abitudini di base nella prevenzione parassitaria, come: fare periodici controlli dal veterinario (5%); controllare il pelo del cane al ritorno da un parco con molta vegetazione (3%); effettuare una pulizia regolare dell’animale (3%); evitare contatti con gruppi di animali sconosciuti (3%); non lasciare il cane bagnato, le zecche prediligono luoghi caldi e umidi (1%).

“Siamo entusiasti di questo progetto” – ha affermato Paolo Sani di MSD Animal Health – “MSD Animal Health desidera veicolare una campagna di sensibilizzazione diretta al pubblico con un linguaggio semplice, di forte impatto, che susciti attenzione e sia memorabile per stimolare un cambio di comportamento. In questo modo la nostra azienda contribuisce a tutelare la salute degli animali, delle persone, e quindi dell’intero ecosistema, perché la salute è un bene di tutti che deve essere difeso responsabilmente”.

“Stiamo assistendo ad un fenomeno molto interessante: l’aumento di animali da compagnia tra i giovani proprietari, single, coppie o neo-genitori.- ha aggiunto MelosiIl proprietario del pet sta diventando sempre più informato e più desideroso di acquisire informazioni dirette. La vera sfida sta qui: confrontarsi con il proprietario sulle fonti di informazione, non reprimere la sua curiosità, fare il possibile per incoraggiarlo ad un’ analisi critica dei contenuti insieme al Medico Veterinario”.

La campagna è stata veicolata con attività outdoor nelle città di Milano, Roma e Torino, oltre che con una promozione digitale attraverso i propri canali social (Facebook e Linkedin), il sito www.fatelomenofatelomeglio.it ed il coinvolgimento di diverse community e influencer online.

facebookfacebook