HANSEN

I Viaggi di Giada
Lapping up Livorno: Giada’s seaside sojourn
Lappando Livorno: Giada al mare

Giada Terrazza Mascagni Livorno

LIFE STYLE/VIAGGI – Giada, l’autrice del reportage su Livorno, è la famosa protagonista vivente della bellissima storia vera di amicizia canina raccontata nel libro “Crystal and Jade” dalla giornalista Claudia Flisi, la sua mamma umana.

Giada, che viaggia spesso con Claudia, ha voluto regalare anche quest’anno in anteprima ad Animal Glamour la storia della sua ultima vacanza, un interessante soggiorno nella città di Livorno tra passeggiate e visite culturali.

La cronostoria della sua vacanza livornese, che riportiamo interamente di seguito, è scritta in inglese, del resto come il libro, “Crystal and Jade”, che l’ha resa famosa fra i bambini di tutto il mondo e non solo.
Chi fosse interessato alla lettura, poche copie del libro sono ancora trovabili su Amazon e comunque è venduto alla libreria Boragno (info@bustolibri.net) di Busto Arsizio (VA). Oppure potete contattare per e-mail Claudia Flisi (cflisi@jhu.edu), l’agente di Giada.

Per i lettori che ancora non masticano l’inglese si riporta in seguito anche la fedele traduzione italiana del reportage.

“LAPPING UP LIVORNO: GIADA’S SEASIDE SOJOURN”
by Giada Flisi

I love to travel with my human mom — eating new food, sleeping on hotel beds, and riding in the back seat of her car. Since I don’t get sick on the road, she takes me everywhere dogs are allowed to visit.

She wasn’t sure about Livorno though. It’s a Tuscan city by the sea, so the iodine in the air would be healthy, but she didn’t know how dog-friendly the people would be.

Not to worry! Livorno is welcoming for both dogs and humans. Its historic openness made me feel right at home. To start with, the passeggiata al mare (a seven-kilometre walkway along the seaside) is a paradise for dogs. It’s green and well-kept, with the Mediterranean on one side and the Viale d’Italia on the other, and plenty of grassy spaces with vegetation where canines can roam (discreetly) and smell to our hearts’ content.

Along the Viale d’Italia is the Terrazza Mascagni, a huge checkered piazza of 8,700 square metres — perfect for dog walking, walking, jogging, skateboarding, skating, soccer-playing, sea-ing, and being seen. This is Livorno’s window to the sea, where you find people – and dogs – at almost any hour of the day.

IMG_8861A good walk for fit dogs and humans goes from Terrazza Mascagni southeast to the Sanctuario di Montenero. It’s about nine kilometres, with the last kilometer – up a 15% incline to an altitude of 109 metres –the toughest stretch. Montenero means “black mountain” in Italian, and refers to either the dark soil or the dark vegetation found here.

Montenero is famous for a miracle from 1345, more than 4,700 dog years ago. A cripple found a painting of Mary and Jesus and a voice told him to carry the painting up Montenero. When he stopped, he was cured.
I wasn’t allowed inside to see the original painting, but the plaza in front of the sanctuary has porticos and architectural flourishes.

Dogs aren’t welcome in most churches, so I didn’t visit the Chiesa della Madonna in central Livorno. It is special because it was constructed for religious groups too poor to build their own churches. Each religious group had its own altar and worshipped side by side with the others.

I did see the inside of the most beautiful church in the city. The Chiesa di Santa Caterina was begun in 1720 and meant to imitate the Pantheon of Rome, but the external façade was never finished so it isn’t impressive. I snuck inside because there were very few people around and was glad I did. Being well-behaved, I got to see all 1,500 metres of frescos on the cupola, a beautifully restored Incoronation of the Virgin by Giorgio Vasari, and an organ by Antonio Ducci.

My good behavior got me into another special place, the Museo Civico Giovanni Fattori. Small dogs are allowed with muzzles. I had forgotten mine but the hour was late, few visitors remained, and I assured the staff that I would be on best behavior.

A collection of paintings from the Macchiaioli School, headlined by Livornese painter Giovanni Fattori, are on display in a 19th-century merchant’s villa with extravagant architecture and embellishments. Since 1994, it has housed the most important collection of Fattori in Italy.

IMG_9029Still, I like the outdoors. So I spent more time at the Fortezza Vecchia and the Fortezza Nuova. The Old Fort is on the harbor and built atop structures going back to the Bronze Age. The actual fort dates to 1519 and its design is asymmetric. The New Fort was designed to protect a new city neighborhood being created for the Medici in the early 16th century. The fort itself is angular brick and I was allowed to explore it, but I much preferred the area it was designed to protect — Venezia Nuova.

New Venice has islands and canals, and was created from scratch starting around 1620. The Medici, who had bought the city from the Genovesi, wanted to construct an urban center for wealthy merchants.

The cool thing for me, as a dog, is the way a visitor can tour this area: by boat. The battello takes an hour to navigate the fossati (canals) here, and a guide explains the historic significance of the buildings we pass. I loved gliding through the waterways, and the other tourists on the boat hardly noticed me; they were all looking at the sights, just as I was.

The best for last: Livorno has the largest enclosed food market in Europe. The main façade of the Mercato Centrale is 95 metres long and up to 35 metres high, and it is full of tantalizing smells – not surprising since the market is also called Il Mercato delle Vettovaglie (the victuals market). There are sections for meat, fish, poultry, eggs, cheese, fruits, vegetables, wines, teas, coffees, spices… whatever humans eat and dogs salivate over.

My human had arranged for us to lunch in a private dining area at the market, so we sat at a civilized table and people-watched while feasting on local specialties and Tuscan libations (wine for her, water for me).
IMG_8955
For an evening meal, I was allowed to accompany her to Osteria della Venezia, where I snacked on Tuscan bread and fish bits, washed down with water the staff offered me.

As for lodgings, the Grand Hotel Palazzo Livorno-MGallery is the only five-star establishment in Livorno. Somewhat faded from its glory days, it still has belle époque panache, and accepts dogs my size. Visitors pay € 25 per day for the privilege. A well-positioned four-star, the Hotel Gran Duca, also extend pooch privileges. It is right by the port and has sober, classic interiors. Further south on Viale d’Italia is Hotel Gennarino, occupying one of the funky Liberty homes that dominate this neighborhood. Great dog walking along the sea, and I was also welcome in the breakfast area.

I loved Livorno and was sad to go. Maybe I’ll be back in warmer weather for more olfactory exploration and ambulation. And eating!

“LAPPANDO LIVORNO: IL SOGGIORNO MARINO DI GIADA”
di Giada Flisi

Io amo viaggiare con la mia mamma umana — mangiare nuovo cibo, dormire nei letti degli hotel e essere a bordo sul sedile posteriore della sua auto.
Siccome non soffro di mal d’auto, Lei mi porta in ogni luogo che ai cani sia permesso visitare.

Non era però tanto convinta di Livorno. E’ una cittadina toscana affacciata sul mare con l’aria iodata che dovrebbe essere salutare, ma non conosceva quanto i cittadini potessero essere dog-friendly.

Non c’è da preoccuparsi! Livorno è una città ospitale sia per i cani sia per gli umani. La sua storica accoglienza mi ha fatto sentire subito a casa. Per cominciare, la passeggiata al mare (sette chilometri di lungo mare) è un paradiso per i cani. È verde e ben tenuta, con il Mediterraneo da un lato e il Viale d’Italia dall’altro, e un sacco di spazi erbosi con vegetazione dove i cani possono vagare (con discrezione) e annusare quanto vogliono.

Lungo il Viale d’Italia si trova la Terrazza Mascagni, una piazza enorme di 8.700 metri quadrati, ideale per passeggiate a piedi e con i cani, fare jogging e skateboarding, pattinare, giocare a calcio, guardare il mare e farsi guardare. Questa è la finestra di Livorno sul mare, dove si trovano persone e cani a quasi ogni ora del giorno.
IMG_8879
Una buona passeggiata adatta per tenere in forma cani e umani va da Terrazza Mascagni a sud-est fino al Santuario di Montenero. Si tratta di circa nove chilometri, dove l’ultimo chilometro – con una pendenza del 15% fino a un’altitudine di 109 metri – è il tratto più duro. Montenero significa “montagna nera” in italiano e si riferisce al terreno scuro o alla vegetazione scura che si trova qui.
Montenero è famoso per un miracolo del 1345, più di 4.700 anni canini fa. Un uomo gravemente menomato trovò un dipinto di Maria e Gesù e una voce gli disse di portare il dipinto sul Montenero. Quando arrivò, fu guarito.
Non mi è stato permesso di vedere il dipinto originale, ma la piazza davanti al santuario presenta portici e una florida architettura.

I cani non sono benvenuti nella maggior parte delle chiese, quindi non ho visitato la Chiesa della Madonna nel centro di Livorno. È speciale perché è stata costruita per gruppi religiosi troppo poveri per costruire le proprie chiese. Ogni gruppo religioso aveva il proprio altare e pregava fianco a fianco con gli altri.
Sono riuscita ad entrare nella più bella chiesa della città. La Chiesa di Santa Caterina fu iniziata nel 1720 volendo imitare il Pantheon di Roma, ma la facciata esterna non fu mai finita, quindi non è molto impressionante. Sono entrata di soppiatto perché c’erano poche persone in giro e sono contenta di averlo fatto. Essendomi ben comportata, ho visto tutti i 1.500 metri di affreschi sulla cupola, un’incoronazione splendidamente restaurata della Vergine di Giorgio Vasari e un organo di Antonio Ducci.

Il mio buon comportamento mi ha portata in un altro luogo speciale, il Museo Civico Giovanni Fattori. I cani piccoli sono ammessi con le museruole. Avevo dimenticato la mia, ma l’ora era tarda, c’erano pochi visitatori e ho assicurato al personale che mi sarei comportata benissimo.
Una collezione di dipinti della scuola dei Macchiaioli, dominata dal pittore Livornese Giovanni Fattori, è in mostra in una villa di un mercante del XIX secolo con architettura e decorazioni stravaganti. Dal 1994, ha ospitato la più importante collezione di quadri di Fattori in Italia.
PastedGraphic-1
Nonostante la bellezza del museo e i suoi dipinti, io preferisco star fuori. Così ho trascorso più tempo alla Fortezza Vecchia e alla Fortezza Nuova. Il Vecchio Forte si trova sul porto ed è costruito su strutture che risalgono all’età del Bronzo. Il forte attuale risale al 1519 e il suo design è asimmetrico. Il nuovo Forte è stato progettato per proteggere un nuovo quartiere cittadino creato per i Medici all’inizio del XVI secolo. Il forte stesso è in mattoni e mi è stato permesso di esplorarlo, ma ho molto preferito l’area che è stata progettata per proteggere – Venezia Nuova.

La Nuova Venezia ha isole e canali, ed è stata creata da zero a partire dal 1620. I Medici, che avevano acquistato la città dai Genovesi, volevano costruire un centro urbano per i ricchi mercanti.

La cosa fantastica per me, come cane, è il modo in cui un turista può visitare questa zona: in barca. Il battello richiede un’ora per navigare i canali e una guida spiega il significato storico degli edifici che si passano. Mi piaceva scivolare attraverso i corsi d’acqua, e gli altri turisti sulla barca mi notarono appena; stavano guardando tutte le attrazioni, proprio come me.

Il meglio è venuto per ultimo: Livorno ha il più grande mercato alimentare chiuso d’Europa. La facciata principale del Mercato Centrale è lunga 95 metri e alta fino a 35 metri ed è piena di aromi tentatori – non sorprende perché il mercato sia anche chiamato il Mercato delle Vettovaglie. Ci sono sezioni per carne, pesce, pollame, uova, formaggio, frutta, verdure, vini, tè, caffè, spezie… tutto ciò che la gente mangia e a noi cani fa venire l’acquolina in bocca.

La mia compagna umana aveva organizzato di pranzare al mercato in una sala privata, quindi ci sedemmo a un tavolo civilizzato con panorama sulle specialità locali e le libagioni toscane (vino per lei, acqua per me).
Per il pasto serale mi è stato permesso di accompagnarla all’Osteria della Venezia, dove ho mangiato pesce su pane toscano e ingoiato con acqua che il personale mi ha offerto.
IMG_8968
Per quanto riguarda l’alloggio, il Grand Hotel Palazzo Livorno-MGallery è l’unica struttura a cinque stelle della città. Un po’ sbiadito rispetto ai suoi giorni di gloria, ha ancora una bellezza belle époque e accetta i cani della mia taglia. I visitatori pagano € 25 al giorno per il privilegio. Un ben posizionato hotel a quattro stelle, l’Hotel Gran Duca, riserva ai cani lo stesso privilegio. E’ proprio vicino al porto e ha sobri interni classici. Più a sud di Viale d’Italia si trova l’Hotel Gennarino, che occupa una delle case Liberty che dominano questo quartiere. Una grande passeggiata a piedi lungo il mare, e sono stata anche la benvenuta nell’area per la colazione.

Mi è piaciuta Livorno e mi ha rattristato andarmene. Forse tornerò in un mese più caldo per esplorazioni più olfattive. E per mangiare!
Giada

facebookfacebook