I mammiferi marini, come balene, delfini e stenelle, sono di casa nelle acque di Capo Sant’Andrea

VIAGGI – Perché andare oltreoceano per avvistare le balene quando comodamente lo possiamo fare stando nelle acque della nostra bella Italia? Un luogo dove incontrarle insieme ad altri mammiferi marini è Capo Sant’Andrea che custodisce un vivace mondo sottomarino tutto da scoprire, un vero e proprio angolo di natura protetta all’interno del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano.
Tra gli ambienti subacquei che circondano la località, un posto di rilievo a livello nazionale e internazionale è occupato dal Santuario dei Cetacei Pelagos. Un zona marina di 87.500 km² nata dall’accordo tra l’Italia, il Principato di Monaco e la Francia che, tra gli obiettivi primari, vede proprio la protezione dei mammiferi marini che lo frequentano. Un ecosistema di grandi dimensioni dal rilevante interesse scientifico, socio-economico, culturale ed educativo.

La biodiversità è notevole e non è raro avvistare delfini, stenelle e tursiopi – cetacei appartenenti alla famiglia dei delfini – che, a testimonianza della ricchezza di queste acque, migrano in luoghi in cui trovano le condizioni più favorevoli a procurarsi cibo. Queste specie sono spesso stanziali nella zona, in particolare tra Marciana e Chiessi, e con un po’ di fortuna è possibile assistere al loro ingresso proprio nella baia di Capo Sant’Andrea, in cui spesso rimangono in acque libere, tra le 0.5 e le 2 miglia dalla costa.

Dalla Primavera all’Autunno a Capo Sant’Andrea si può assistere inoltre alle migrazioni di balenottere. I mesi più favorevoli per fare la conoscenza di queste affascinanti creature sono maggio, giugno, settembre e ottobre. Ultimamente i cetacei non si sono fatti attendere e, dalla scorsa Pasqua alla fine del mese di giugno, sono stati registrati circa sette avvistamenti nell’area di Capo Sant’Andrea, entusiasmando gli abitanti locali, attivamente coinvolti nella protezione di questi habitat, e i primi visitatori stagionali. La migrazione della specie è innescata da fenomeni di upwelling, correnti di risalita in superficie di acque di profondità ricche di sostanze nutrienti, come il plancton, con conseguente aumento della pescosità della zona.

“Non esistono altri luoghi come Capo Sant’Andrea per regalarsi incontri unici con i più affascinanti abitanti del mare, e non solo”, racconta Maurizio Testa, Destination Manager di Capo Sant’Andrea. Ed è sempre Maurizio Testa, appassionato conoscitore del mare, a raccontare degli ultimi incontri con i cetacei, riuscendo a cogliere le suggestioni di questi momenti speciali in emozionanti immagini che testimoniano il risveglio della natura successivo a questi mesi di lockdown, in un intreccio di stupore e meraviglia.

Concedersi un soggiorno in questa località dell’Isola d’Elba non solo riconnette con gli aspetti più autentici del nostro ambiente ma permette anche di godersi spettacoli naturali esclusivi, letteralmente “dietro casa”.

Carmì Mazzucchi

FacebookFacebook

Comments are closed.

Animal Glamour is produced by the micropublishing division of Hansen Worldwide srl, Milan, Italy.
Published in the USA. All rights reserved. © 2006-2021
Other trademarks and copyrighted materials may belong to their respective owners.