“Il cane ha mangiato la marijuana!”

Può capitare – e capita. Quando succede però c’è una comprensibile tendenza da parte dei padroni dell’animale di evitare il coinvolgimento di esterni. Ci pare utile pertanto dare qualche informazione di base. Quanto segue è tratto da un utile articolo della Dr.ssa Lisa Cass, una veterinaria americana.
Il principio attivo della marijuana – il THC, Tetraidrocannabinolo – è assorbito velocemente dai cani. I primi sintomi possono comparire dopo trenta minuti dall’assunzione. Una volta che si palesano, è fortemente controindicato il tentativo di far vomitare l’animale – potrebbe peggiorare l’impatto sul suo sistema nervoso.
Nei casi più gravi, i sintomi esibiti possono essere: alterazioni del battito cardiaco, disorientamento, difficoltà motorie di vario tipo, la dilatazione delle pupille, l”ipersalivazione e la debolezza generale. In circa un terzo dei casi i cani vomitano o hanno attacchi di diarrea.
I sintomi si intensificano in proporzione alla quantità di droga ingerita.
La buona notizia è che la morte per ingestione di marijuana è rara. La dose potenzialmente fatale per i cani è di circa tre grammi per chilo di peso dell’animale. Nel dubbio, è buona regola inventarsi un’interessante storia per spiegare l’accaduto e… affidarsi al veterinario.

***

This note, about what to do if your dog consumes your supply of “medical” marijuana, is based on an interesting article by an American veterinarian, Dr. Lisa Cass. If you’re interested – or really need to know – we recommend you read what she has to say on the subject. And until you have, resist the temptation to try to induce vomiting in the animal. That’s precisely the wrong thing to do.

FacebookFacebook

Comments are closed.

Animal Glamour is produced by the micropublishing division of Hansen Worldwide srl, Milan, Italy.
Published in the USA. All rights reserved. © 2006-2021
Other trademarks and copyrighted materials may belong to their respective owners.