Botti di capodanno. La proposta di legge per vietarli di Gaia Animali & Ambiente

ATTUALITA’ – Ogni anno qualche morto: quest’anno un ragazzino. Ogni anno decine di feriti che si accalcano negli ospedali, quest’anno già tristemente sotto pressione. Ogni anno migliaia di animali selvatici che muoiono: quest’anno ha fatto notizia la morte degli storni a Roma. Ogni anno centinaia di cani e gatti che si smarriscono e muoiono a causa delle esplosioni, gettando nella disperazione altrettante famiglie. Ogni anno l’accensione di fuochi pirotecnici aggrava ed incrementa l’emissione di inquinanti nell’ambiente, che registra picchi clamorosi e contrasta con tutti i provvedimenti di riduzione delle emissioni di polveri sottili e biossido di azoto.

Gaia Animali & Ambiente con i suoi legali, Gaia Lex, il centro di azione giuridica dell’associazione, sono pronti con una proposta di legge che vieta l’uso di petardi, botti, razzi e simili, nonché altri artifici pirotecnici.

“La letteratura scientifica e numerose rassegne stampa negli anni attestano che l’utilizzo di materiale pirotecnico crea decine di migliaia di situazioni di danno, oltre che alle persone, anche agli animali e all’ambiente”, spiega il presidente di Gaia Animali & Ambiente, Edgar Meyer.

Gli esempi sono centinaia. Nella regione Lombardia la Società AMAT ha redatto una Relazione con la quale attesta che l’utilizzo dei fuochi d’artificio, fumogeni e simili sono fonte non solo di pericolo per i cittadini e di stress, ma anche di episodi molto intensi di inquinamento da polveri come dimostrato anche dagli studi effettuati da ARPA Lombardia e dall’inventario della stessa regione relativo alle emissioni atmosferiche;

E’ recente l’appello rivolto da medici pediatri a vietare la possibilità di utilizzo di questi mezzi pirotecnici, assolutamente nocivi per la salute dei neonati.

L’uso di materiale pirotecnico provoca negli animali domestici e nella fauna selvatica reazioni di disorientamento, paura e altri comportamenti incontrollati in quanto il fragore dei botti, oltre ad ingenerare in loro un’evidente reazione di spavento, li porta frequentemente alla fuga e a perdere l’orientamento, esponendoli così al rischio di smarrimento o investimento, determinando situazioni di pericolo per la pubblica incolumità nonché per gli animali stessi.
“L’udito del cane, del gatto e di tanti animali selvatici è molto superiore a quello dell’uomo”, conferma Edgar Meyer. “Noi abbiamo una finestra uditiva compresa tra le frequenze denominate infrasuoni (al di sotto dei 16 hertz) e quelle denominate ultrasuoni (al di sopra dei 15.000 hertz), il cane invece percepisce fino a 60.000 hertz e il gatto fino a 70.000. Il cane è in grado di udire frequenze superiori alle 80 mila vibrazioni al secondo, la sua sensibilità uditiva è talmente alta che i botti gli causano un vero e proprio dolore”.

C’è l’urgente necessità di adottare misure idonee a garantire l’incolumità pubblica, la sicurezza urbana, la protezione degli animali e ad assicurare le necessarie attività di prevenzione, come richiesto da decine di migliaia di cittadini italiani disturbati da questo fenomeno.

“La proposta di legge verrà consegnata nei prossimi giorni a tutte le forze politiche di maggioranza e opposizione. Vedremo chi avrà la prontezza di farla propria”, ha dichiarato il presidente dell’associazione, Edgar Meyer.

“Il Capodanno sia un giorno di festa”, conclude Meyer, “ma lo sia davvero. In maniera pacifica. Per tutti: cittadini, ambiente e animali compresi”.

FacebookFacebook

Comments are closed.

Animal Glamour is produced by the micropublishing division of Hansen Worldwide srl, Milan, Italy.
Published in the USA. All rights reserved. © 2006-2021
Other trademarks and copyrighted materials may belong to their respective owners.