Venti greyhound e lurcher finalmente a casa delle loro famiglie adottive. Il prossimo viaggio è per i Galgo.

97744250_2998545116895990_5440675420213084160_o

ATTUALITA’ – “Oggi è stata una giornata eccezionale nell’eccezionalità del periodo che stiamo vivendo. Una giornata piena di gioia e di belle emozioni, che ci rimarranno per sempre nel cuore”. Così Stefania Traini, Presidente di Pet Levrieri, ha commentato la grande impresa compiuta e andata a buon fine sabato 16 maggio. Guarda il video del loro arrivo cliccando qui.
Venti greyhound e lurcher, salvati e accuditi in questi mesi dai rifugi irlandesi Limerick Animal Welfare (LAW) e GalwaySPCA, con i quali l’associazione collabora, sono finalmente arrivati in Italia e sono stati consegnati alle loro famiglie adottive.
E’ stato un grande traguardo raggiunto visto il momento e l’emergenza sanitaria legata al Covid-19. I 20 levrieri attendevano, a causa del lockdown, dalla fine del mese di febbraio di poter lasciare l’Irlanda e raggiungere le rispettive famiglie attraverso un trasporto internazionale autorizzato. Un piano complesso e difficile quello realizzato da Pet Levrieri rispettando i vincoli normativi e le autorizzazioni dei tre paesi coinvolti, Italia, Francia e Irlanda, e nella massima sicurezza e rispetto per la salute delle persone e dei cani.
Ha richiesto un lavoro pianificato, certosino, delicato e scrupoloso per ottenere tutte le condizioni e le autorizzazioni idonee, ed è stato l’esito di un grandissimo lavoro di squadra, che ha coinvolto i soci di Pet Levrieri e tutti i partner: i rifugi, la ditta di trasporti, le autorità sanitarie competenti, la struttura di destinazione, le famiglie adottive, le associazioni slovene e croate, la rete delle famiglie foster.
98078354_2998531160230719_1078015887690170368_o
Il trasporto, l’arrivo in Italia e la consegna alle famiglie si sono svolti secondo un rigoroso protocollo di sicurezza come previsto dal DPCM del 26 aprile 2020, rispettando rigorosamente le misure del distanziamento sociale, le misure igienico-sanitarie per le persone e i materiali, il divieto di assembramento e le restrizioni sugli spostamenti.
E non è finita qua. I levrieri in attesa di raggiungere, dall’Irlanda e dalla Spagna, le famiglie adottive erano in tutto 82. Ce ne sono ancora 62 che partiranno dai rispettivi rifugi secondo un piano ben studiato per raggiungere l’Italia e le loro famiglie adottive nelle prossime settimane.
98184221_2998500486900453_120617039747350528_oIl tutto si svolgerà ancora secondo un rigoroso protocollo di sicurezza, nel rispetto pieno della normativa vigente in materia di emergenza sanitaria internazionale COVID-19.
L’Associazione Pet Levrieri ringrazia tutti coloro che hanno aiutato a rendere possibile tutto ciò. I ringraziamenti sembrano quasi un rito, e invece, sono, e in una giornata come quella di sabato in modo speciale, un doveroso e sentito riconoscimento per chi ha permesso che queste 20 anime abbiano potuto iniziare la loro nuova vita. E ora a poco a poco arriverà il turno delle altre 62.
La cosa ancor più meravigliosa è che gli 82 levrieri hanno tutti una famiglia adottiva.
Una grande soddisfazione per tutti i soci di Pet Levrieri, per gli adottanti che hanno permesso di dare una casa e una famiglia a questi cani già fin troppo maltrattati dalla vita, e per il Presidente Stefania Traini: “L’impegno che con questo primo viaggio le 20 famiglie adottive si sono assunte è di donare e garantire a ciascuno di questi levrieri quella vita di amore e rispetto di cui sono stati scippati fin dalla loro nascita, sfruttati e maltrattati nel mondo del greyhound racing e del coursing. Auguriamo a Kyle, Fluke, Larry, Leonard, Leah, Sam, Champ, Maxi, Eric, Suzie, Fonda, Hepburn, Rusk, Bahati, Marley, Finn, Mouse, Meena, Minty e Prince,e alle loro rispettive famiglie adottive una vita insieme, fatta di una quotidianità che si arricchirà di amore giorno per giorno.

Carmì Mazzucchi

facebookfacebook