Illegalità e crudeltà nei macelli italiani

31348941907_daff8cdf90_k-750x0-c-default

ATTUALITA’ – A partire dal 2018, Animal Equality ha rilasciato sistematicamente video e testimonianze che mostrano quello che avviene all’interno dei macelli italiani, una realtà nascosta e dimenticata.

Nel 2019, i loro investigatori e le testimonianze che hanno raccolto hanno portato a oltre 200.000 visualizzazioni e più di 45.000 firme, arrivando nell’arco di poco tempo a oltre 185.000 firme di cittadini italiani che chiedono una riforma legislativa definitiva al riguardo.

Animal Equality ha indirizzato una petizione agli attuali ministri: Roberto Speranza Ministro della Salute – che ha preso il posto di Giulia Grillo, l’ex Ministro che ha anche firmato personalmente l’iniziativa dei cittadini europei per mettere fine all’utilizzo delle gabbie negli allevamenti – e al Ministro dell’Agricoltura Teresa Bellanova.

La campagna sui macelli di Animal Equality, supportata da testimonianze ottenute tramite investigazioni e la collaborazione con informatori esterni all’organizzazione, mette in luce ancora una volta i gravissimi buchi normativi, la mancanza di conseguenze penali concrete per chi infrange la legge e la totale assenza di controlli severi all’interno dei macelli.

«Molti paesi europei si sono già mossi in questo senso, cancellando le deroghe per la macellazione religiosa, come Austria e Danimarca, o introducendo telecamere a circuito chiuso, come avviene in Gran Bretagna e in via sperimentale anche in Francia. Anche i politici italiani hanno il dovere di far applicare le norme e di migliorare l’impianto legislativo che regola la macellazione, che avviene in luoghi a porte chiuse all’interno dei quali, al momento, non si sa davvero se le leggi italiane vengano rispettate» dichiara Matteo Cupi, Direttore Esecutivo di Animal Equality Italia.

«Senza le investigazioni e il lavoro di organizzazioni come la nostra non ci sarebbe modo di conoscere la verità e i consumatori rimarrebbero completamente ignari di tutto questo, alla mercé invece della disinformazione dilagante su questi temi cruciali per il futuro del pianeta. Si tratta di una questione di trasparenza, giustizia e correttezza delle istituzioni, ed è ora che anche i politici italiani si facciano carico di queste richieste trasversali e volute da centinaia di migliaia di cittadini» prosegue Cupi.

Da tempo Animal Equality sta lavorando per ridurre la sofferenza degli animali durante la macellazione e uno degli strumenti principali è proprio la diffusione di video e inchieste che mostrano la realtà di macelli e allevamenti. Guarda il video cliccando qui.

Le immagini dei video rilasciati quest’anno, ottenute tramite informatori, mostrano quello che avviene durante la macellazione di maiali, polli e agnelli, procedure spesso compiute senza rispetto delle norme, in particolare quelle relative allo stordimento e ai maltrattamenti.

facebookfacebook