La storia di Jiayi Zhao, una guida al Polo Artico a pieno contatto con la natura e i suoi abitanti

db9a9ade-2905-4ac2-a3fd-826a3a20962a

VIAGGI – Per Jiayi Zhao fare la guida nell’alta zona polare artica significa lasciare spazio al silenzio. Cresciuta a Pechino in Cina, ora ama accompagnare le persone nel mare artico, spegnere il motore della barca e immergersi in quello straordinario scenario, dove la natura con i suoi animali fa da regina.
Ecco perché ha pianto la prima volta che ha visto un orso polare che camminava sul bordo del ghiaccio marino. “Era la terra dell’orso e io ero soltanto in visita, ma mi sono sentita la benvenuta”, afferma. È una sensazione trasformativa che ora lavora per trasmettere ai gruppi di turisti di cui è guida nelle spedizioni al Nord. “L’Artico cambia le tue azioni”, spiega. “Cambia il modo in cui vedi il mondo, il modo in cui tocchi le cose, il modo in cui parli alle persone”.
Jiayi Zhao
Tra i 20 e i 30 anni iniziò ad avvertire che alla sua vita mancava qualcosa. E poi, nel corso di un viaggio nelle foreste di sequoie della California, venne invitata per caso a guidare verso uno dei poli un gruppo di turisti che parlavano cinese mandarino… e da allora ha dedicato la sua vita a condividere luoghi selvaggi e remoti con gli altri. Per Jiayi, il fatto di essere una guida non si basa sul luogo dove conduce i suoi ospiti né su quello che fanno. È piuttosto cosa traggono dall’esperienza che hanno vissuto con lei quando tornano a casa. “Come guida, spero di condurre le persone a esplorare la loro vita: non il viaggio che abbiamo fatto insieme, ma quello successivo”.
In ogni escursione che guida, Jiayi si impegna per creare momenti di quiete in cui è possibile stare semplicemente in silenzio, soli con se stessi nella natura. Lo fa perché sa come tali “istantanee” nel tempo hanno trasformato la sua vita.

“Ho un’immagine vivida di me in piedi, in una stazione della metropolitana di Pechino mentre avverto la folla che corre a casa, e ho la sensazione di essere centrata e presente, ma il mio cuore era al Polo Artico”, spiega. “Penso che sia questo ad avere coltivato in me la natura”. La Natura mi nutre!

Vivendo all’aperto a estremo contatto con la natura, la guida Jiayi Zhao sta trovando in sé la grandezza… e sta aiutando anche altri a trovarla.
Fonte: Canada Goose
Trichechi

facebookfacebook