HANSEN

Birdwatching: Parco Nazionale del Gran Paradiso

PNGP1

VIAGGI NATURA – Il Parco Nazionale del Gran Paradiso si estende su 70.000 ettari di territorio d’alta montagna, tra gli 800 metri di fondovalle e i 4.061 metri del Gran Paradiso.
In Valle d’Aosta, il Parco ha tre centri visitatori, a Cogne, Valsavarenche e Rhêmes-Notre-Dame. I centri visitatori permettono di approfondire in ogni stagione i vari aspetti naturalistici dell’area protetta.
FF_030F4_08
Se paludi, acquitrini, o i delta dei fiumi sono il posto migliore per gli uccelli tipici delle aree umide, le montagne piemontesi del Parco Nazionale del Gran Paradiso sono la “patria” della maestosa aquila reale e di altri bellissimi rapaci. Tra essi anche il gipeto, che dopo cento anni dall’estinzione locale è finalmente tornato a sorvolare le Alpi, grazie a un lungo e complesso programma di reintroduzione.

Al di là degli affascinanti uccelli predatori, gli appassionati di birdwatching possono ammirare anche galliformi come la coturnice, il fagiano di monte e la pernice bianca, oltre a un numero incredibile di passeriformi: gracchio alpino, gracchio corallino, sordone, codirossone, culbianco, codirosso spazzacamino, fringuello alpino, merlo dal collare, cesena, beccafico, nocciolaia, luì bianco, venturose, zigolo muciatto, zigolo giallo, ortolano.
beccafico 2
Nelle foto, dall’alto: ceresole reale, gipeto e beccafico.

facebookfacebook