L’Islam non ama i cani, ma in compenso adora i gatti

ATTUALITA’ – Il Corano è piuttosto generoso con gli animali. Il gatto è l’animale d’affezione per eccellenza nel mondo Islamico, specialmente per la pulizia e la cura di sé che esibisce, mentre il cane non ha la stessa fortuna del gatto. Negli oltre duecento versi del Corano che citano animali, solo tre toccano i canidi e riguardano soprattutto la loro utilità per l’uomo, nella caccia e nella pastorizia. A differenza dei gatti, pregiati ospiti ovunque, i cani non devono entrare nelle case. Sono haram—ritualmente impuri, anche se non maligni in sé.
È soprattutto la bava di questi animali la fonte dell’impurità e ogni contaminazione va immediatamente rimossa con ripetuti lavaggi. Non è strettamente vietato tenersi un cane, ma la troppa familiarità andrebbe evitata. La visione negativa dei cani discende non tanto dal Corano ma dagli hadîth, la via attraverso la quale gli usi tradizionali sono rientrati nell’Islam dopo la sua fondazione, un po’ come la tradizione cristiana ha riadattato i riti, costumi e festività pagani strada facendo.
997ea76220b4f2a9bcfab620623d132fUn famoso hadîth —gli hadîth sono detti e fatti attribuiti al Profeta Maometto, ma non compresi nel Corano— racconta che un giorno, dovendo vestirsi in fretta per raggiungere la Moschea, scoprì che il suo gatto preferito “Muezza”, si era addormentato proprio sull’abito da preghiera che gli serviva. Piuttosto che disturbare il sonno del felino, liberò la veste tagliando via la manica intrappolata dall’animale con un paio di forbici.

Il Corano attribuisce agli animali la capacità di far parte dell’umma —la comunità dei credenti— e di onorare il Profeta. Verranno “accolti dal loro Signore alla fine” (Corano 6:38). In altre parole riconosce loro esplicitamente il possesso di un’anima, una visione in netto contrasto con il Cristianesimo, che li ha si animati ma niente di più.
La Bibbia invece, pur non concedendogli un’anima, cita molte volte i cani e non dice una sola parola sui gatti. Il Cristianesimo difatti ha sempre guardato i gatti con sospetto. Girano di notte quando gli altri dormono, hanno degli allarmanti occhi luminosi, potrebbero essere dei servi di Satana.
Gattojihadista
Il sospetto diventò guerra aperta nella prima metà del XIII secolo con l’emissione di un’incauta Bolla —Vox in Rama— da parte di Papa Gregorio IX che associò in maniera un po’ troppo spettacolare i gatti ai riti satanici che si supponevano praticati dagli eretici Catari.
Già nel secolo precedente un Dottore della Chiesa, il Beato Alano di Lilla, arrivò a supporre che il termine cataro —spesso applicato indiscriminatamente a ogni tipo di eretico— derivasse dal latino catus, cioè gatto, perché “si dice che adorino il diavolo sotto le sembianze di un gatto”. Divenne consuetudine —specialmente in Francia, dove resistette fino ai primi anni dell’800- l’uso del lancio rituale dei gatti dal campanile nella seconda settimana della Quaresima, in segno di rifiuto del Male.

Per quanto non piaccia a nessuna delle due parti ammetterlo, le due grandi fedi monoteistiche —l’Islam e il Cristianesimo— sono chiaramente imparentate: una vicinanza conservata nelle vesti tradizionali di frati e suore, nella segregazione femminile tra clausura e harem, nelle usanze sepolcrali e perfino dietetiche (anche la Bibbia cristiana vieta in più punti il consumo della carne di maiale, ma la regola è disattesa) e molte altre cose ancora. Sui cani e i gatti però il contrasto è perfetto.
Fonte: Nota Diplomatica di James Hansen – 23 novembre 2018.

FacebookFacebook

Comments are closed.

Animal Glamour is produced by the micropublishing division of Hansen Worldwide srl, Milan, Italy.
Published in the USA. All rights reserved. © 2006-2021
Other trademarks and copyrighted materials may belong to their respective owners.