“Da San Francesco a Papa Francesco”, camminata simbolica per chiedere al Papa la pace anche per gli animali

ATTUALITA’/LIFE STYLE – Angelo Varia, considerato uno dei personaggi più influenti della cinofilia italiana degli ultimi quindici anni, nonchè uno dei maggiori esperti europei del rapporto uomo-cane e uomo-altri animali, festeggerà i suoi primi 20 anni di carriera, incontrando il Santo Padre. L’appuntamento è per mercoledì 10 ottobre alle ore 10, al culmine di una camminata simbolica che, partendo da Assisi martedì 2 ottobre alle 8.30h, lo porterà in udienza con Papa Francesco per chiedere al mondo cattolico, attraverso il suo capo spirituale, maggiore rispetto per tutti gli animali non-umani. La camminata prevederà un percorso da realizzarsi rigorosamente a piedi per almeno 8 delle 10 tappe totali previste. Con Angelo Vaira ci saranno amici e collaboratori, ma soprattutto Padre Guidalberto Bormolini e la sua compagna, Rosita Celentano che condivide con Angelo l’impegno nella diffusione di un rapporto con tutti gli animali più empatico ed etico. Non mancherà nemmeno l’amico e compagno di Vaira, Jean-Pierre, il suo cane: la mascotte a 4 zampe (e carrellino) sarà introdotta nelle stanze del Papa e presentato come membro della delegazione.

Finalità della camminata è rinvigorire l’amore per gli animali, in senso cristiano e francescano, e portare questo amore da San Francesco a Papa Francesco, considerata la grande sensibilità del Santo Padre sui temi della natura, dell’ecologia e del mondo animale.
L’invito a realizzare la piena dimensionalità cristiana, includendo la relazione con gli animali, come mezzo per elevarsi a Dio e costruire la Pace. Tutte le persone, credenti o non credenti, che hanno a cuore la questione animale, potranno unirsi al percorso a piedi di Angelo Vaira, anche per una sola tratta o alcuni percorsi; ogni atto di condivisione del cammino, rafforzerà la mission di questa delegazione di pace per tutti gli esseri viventi, perché, come ha affermato Angelo Vaira di recente: “Nessuna vera pace sarà mai possibile fino a quando dai nostri piani per realizzarla escluderemo la questione animale”.

Questa prima edizione della camminata ‘Da Francesco a Francesco’ segna il primo esperimento di un gesto simbolico che Angelo Vaira vorrebbe diventasse un appuntamento fisso, con sempre maggiore organizzazione e sempre più partecipanti, per fare riemergere di anno in anno – a ridosso del 4 ottobre, giorno di San Francesco – quella cristianità che vede nel creato, e quindi anche negli animali, un’opera e una volontà divina unica, fatta di una straordinaria varietà di specie, tutte ugualmenti detentrici degli stessi diritti alla vita e alla felicità.
Dopotutto il Santo di Assisi, Patrono d’Italia è da sempre simbolo di una cristianità che nelle creature più umili, compresi gli animali, ha letto la grandezza del Dio creatore. San Francesco stesso inaugurò questo medesimo percorso simbolico, percorrendolo a piedi, per arrivare da Assisi al cospetto di Innocenzo III nel 1209, e chiedere il riconoscimento della Regola dei Frati Minori da lui fondati. Sempre a S. Francesco è riconosciuto come primo autore di una opera letteraria in italiano, il Cantico dei Cantici, che scrisse nel 1226: un inno di lode e ringraziamento a Dio per tutte ‘le Creature’ del mondo; ponendo di fatto – già nel basso medioevo – le basi per il moderno postumanesimo, il superamento cioè dell’antropocentrismo.

FacebookFacebook

Comments are closed.

Animal Glamour is produced by the micropublishing division of Hansen Worldwide srl, Milan, Italy.
Published in the USA. All rights reserved. © 2006-2021
Other trademarks and copyrighted materials may belong to their respective owners.