Gli animali della polvere

LIFE STYLE – Dai gatti ai coniglietti, gli animali della polvere cambiano forma a seconda della lingua parlata in vari paesi europei.
Ecco che in Inghilterra ci sono i “Dust bunnies”, che forse per il loro aspetto batuffoloso fanno pensare o prendono la forma di coniglietti.
In Francia ci sono i “Mouton de poussiére” o semplicemente “mouton” che fa pensare alle soffici pecorelle.
Per i tedeschi e gli svedesi invece i batuffoli di polvere assumono la forma di topi e vengono chiamati: Wallmouse e Dammrattor; mentre i finlandesi più originali, li chiamano “Villakoira” o cani di polvere, associandoli ai batuffoli dei cani barboncini.
Gli ungheresi li chiamano invece “Porcica” o gatto di polvere, come in Italia in particolare nelle regioni settentrionali. I “gatti di polvere” sono quei fastidiosi grumi di polvere che si formano sotto i mobili e negli angoli più difficili da raggiungere.

Tutti questi animali di polvere fanno pensare alle case dove vivono gli adorati animali da compagnia e al problema della perdita quotidiana del pelo che va ad adagiarsi su pavimenti, mobili e così via e va ad alimentare la grandezza dei vari batuffoli di polvere, rendendo necessarie frequenti operazioni di pulizia dell’ambiente domestico.

Vari sono gli apparecchi in commercio per aspirare i peli e i batuffoli di polvere, una novità fra questi è il DEEBOT N78D di ECOVACS ROBOTICS. La sua funzione di aspirazione diretta aspira il pelo degli animali e lo immagazzina nel contenitore della polvere extra grande di cui è dotato.
Inoltre, l’innovativo robot di ECOVACS Robotics pulisce autonomamente il pavimento con un serbatoio d’acqua integrato facilitando enormemente la pulizia dei vari ambienti domestici.

FacebookFacebook

Comments are closed.

Animal Glamour is produced by the micropublishing division of Hansen Worldwide srl, Milan, Italy.
Published in the USA. All rights reserved. © 2006-2021
Other trademarks and copyrighted materials may belong to their respective owners.