Circo, al vaglio del Governo un intrattenimento senza animali

ATTUALITA’ – Un circo senza animali, è un circo migliore. Questo il pensiero delle 53 associazioni e federazioni animaliste e ambientaliste italiane che hanno inviato al Ministro dei Beni e delle Attività Culturali, e ai parlamentari, una lettera congiunta nella quale sostengono il provvedimento governativo che, di fatto, provvederebbe “la graduale eliminazione dell’utilizzo degli animali in attività circensi”.

Le associazioni animaliste hanno affermato nella lettera che “le condizioni per l’approvazione di questa Legge ci sono tutte, sono infatti già 21 i Paesi che in Europa hanno introdotto divieti vari di utilizzo degli animali nei circhi, fra questi Olanda, Norvegia, Grecia, Belgio, Malta, Cipro, Austria così come diversi nel resto del Mondo fra cui Messico, India e Israele. Inoltre il 71,4 per cento degli italiani secondo Eurispes è eticamente contro l’uso degli animali nei circhi così come anche la Federazione dei Veterinari Europei con motivazioni tecnico-scientifiche”.

Ringling_brothers_over_the_top_tiger
I presidenti delle 53 associazioni, che per la prima volta si riuniscono in un così largo numero per fronteggiare un problema, hanno dichiarato di essere “convinti che le varie previsioni di sostegno enunciate in altre parti del provvedimento, favoriranno un passaggio a un’arte circense davvero umana e apprezzata dalla totalità dell’opinione pubblica che da tempo non si riconosce più in un’attività che vede invece ancora la prigionia degli animali. Questo è ben chiaro anche al mondo circense che, non a caso, negli scorsi mesi aveva anche pubblicamente annunciato la volontà di costituire un tavolo per la dismissione graduale degli animali dai loro spettacoli. Ora farà dichiarazioni contrarie ma noi sappiamo, che la maggioranza dei circensi, se supportati, è ben contenta di togliersi questo fardello negativo di manifestazioni continue e attenzione mediatica, puntando sui numeri di giocolieri, trapezisti, clown e alle positive idee del Circo contemporaneo senza animali che riscuote grande successo come insegna il Cirque du Soleil”.

Ecco quali sono le associazioni che hanno partecipato alla lettera inviata al Governo: Animal Amnesty, Animal Equality, Animalisti Fvg, Animalisti Italiani, Avcpp, Enpa, Essere Animali, Lac, Lav, Legambiente, LeIdaa, Lipu, Lndc, Marevivo, Oipa, Parte in Causa/Ass.Radicale Antispecista-Federazione Pro Natura, Vita da Cani, Leal, Aae,Aiutiamo Fido, Associazione Amici Animali Onlus, Amoglianimali Onlus, Anima Equina, Anita Onlus, Anpa, Arca, L’Arca della Valle, Balzoo, Cani e Mici per Amici, City Angels, Con Fido Nel Cuore Onlus, Diamoci la Zampa Onlus, Earth, Eolo a Quattro Zampe Onlus, Filippo…semplicemente Amore-Frida’s Friends, I favolosi cani 80, Impronte Amiche, Italian Horse Protection, l’Unione fa la forza, Mondo Gatto, Noianimali Onlus, Oita Save the Pets, Ombre a Quattrozampe, Rifugio del Micio Onlus, Samu Italia Onlus, Sos Gaia, Sos Levrieri, Tartamondo, Voce Animale Onlus, Zampette Felici Onlus con la Federazione Italiana Associazioni Diritti Animali e Ambiente.

Umberto Mongiardini

FacebookFacebook

Comments are closed.

Animal Glamour is produced by the micropublishing division of Hansen Worldwide srl, Milan, Italy.
Published in the USA. All rights reserved. © 2006-2021
Other trademarks and copyrighted materials may belong to their respective owners.