HANSEN

I gatti in casa soffrono di noia, cosa fare?

cat-451377_640

LIFE STYLE – Non dimentichiamoci che etologicamente i gatti sono dei predatori e fin dalla nascita vengono abituati da mamma micia a cacciare.nature-980136_640
Anche i gatti che vivono negli appartamenti di città, sebbene mitigato, hanno sempre questo innato dovere di cacciare e se vediamo il nostro adorato felino di casa che se ne sta a poltrire tutto il giorno in attesa del nostro arrivo, non vuole dire che non abbia un comportamento predatorio o abbia dimenticato di saper cacciare, magari è solo diventato pigro o annoiato. Non vi siete mai chiesti come mai verso le 11 di sera il gatto diventa arzillo e comincia a gironzolare per casa, saltando qua e là, facendo agguati a tutto ciò che si muove, o ci fa capire chiaramente che ha voglia di giocare con Noi? Perché secondo l’etologia felina a quell’ora i gatti cacciano i roditori che escono dalle tane e così si attivano nelle nostre case in attesa che qualcuno dei conviventi esca dal torpore e la stanchezza quotidiana e giochi con lui. Se abbiamo adottato un gatto e non giochiamo con lui alla fine diventerà un gatto annoiato e se soffre di noia se la prenderà con divani, cuscini, scarpe e ciabatte o qualsiasi oggetto che alimenta la sua fantasia predatoria.
cats-1033654_640
Che cosa fare? Dobbiamo sostituire la caccia con il gioco. In commercio si possono acquistare tanti giochini creati appositamente per i gatti di casa, ma se avete un pò di fantasia le nostre dimore sono cariche di cose che possono essere utilizzate per farli giocare.
Il topolino di pezza o di plastica che si muove o che schiacciandolo emette suoni è uno fra i giochi preferiti del gatto. Ma anche palline, tappi di sughero, fili e pennacchi lo attirano inevitabilmente. Creare una canna da pesca con un filo alla cui estremità attacchiamo un pennacchio, o un tappo di sughero o qualcosa di colorato lo farà divertire come un matto e soprattutto lo farà muovere, saltare e attiverà il suo apparato sensoriale e il suo comportamento predatorio. Ricordatevi che le prede non vanno mai verso il predatore, quindi far apparire il gioco da lontano, alternare movimenti veloci ad altri lenti, far scomparire il gioco dietro ai mobili per indurre poi il gatto a cercarlo, sono tutti modi per incoraggiarlo a muoversi, a giocare e ad allenare il suo istinto. gatto che gioca
Un errore in cui non dobbiamo incorrere è quello di sostituirci al giochino, ossia non dobbiamo diventare una preda. Ciò porterebbe il gatto a mordere parti del nostro corpo per giocare e questo, oltre che sconsigliato, è sbagliato. Quindi sono anche da evitare tutti quei comportamenti che inducono a lottare con il gatto, pena tanti graffi dolorosi sul nostro corpo e quello dei nostri cari.
I gatti quando cacciano inseguono le prede per esercitarsi e procurarsi il cibo. Creiamo allora dei giochi interattivi che esercitino il nostro adorato felino in questo senso. Un esempio è quello di creare delle scatole con tanti tubi di carta igienica dove nasconderemo qua e là un croccantino e incoraggiamo il micio a cercarlo.
Il gatto vive nelle nostra casa, convive con tutta la famiglia e questo comporta imparare a capire che cosa prova, perchè amarlo significa anche soddisfare i suoi veri bisogni. Anche quando noi pensiamo che abbia sbagliato non dobbiamo sgridarlo, il gatto sta solo facendo il gatto!

facebookfacebook